Nonostante la ben nota scarsa fiducia che gli italiani ripongono nelle banche e negli istituti di credito, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un significativo aumento dei ricorsi al credito per mutui e prestiti.

Infatti, rispetto al 2020 si è registrato un aumento del +5,4% dei cittadini italiani maggiorenni che hanno un mutuo o un prestito in corso, che rappresentano il 44,5% del totale. Aumentano di conseguenza anche i casi di problemi debitori per i soggetti che non riescono a saldare i prestiti (molti coloro che scelgono di ricorrere, per risolvere queste situazioni debitorie, al saldo e stralcio con le banche).

Inoltre i dati riportati dallo studio condotto da Mister Credit – CRIF dimostrano che a livello nazionale l’indebitamento medio è di €32.191, con rate medie mensili pro-capite pari a €315, in calo del 2,8% rispetto al 2020.

D’altra parte, negli ultimi anni si è anche assistito ad un miglioramento della sostenibilità finanziaria delle famiglie italiane, con un tasso di default che si attesta all’1,2%, più basso degli ultimi anni.

Il 50,5% dei toscani ha un credito attivo

A contribuire a questi risultati ci sono stati gli strumenti di sostegno al reddito e alle moratorie messi in campo in risposta ai problemi economici causati dalla pandemia oltre ai tassi d’interesse della BCE. I tassi d’interesse ai minimi storici, infatti, stanno rappresentando un forte incentivo per le famiglie italiane a ricorrere al credito.

Una delle regioni in cui si fa più ricorso al credito è proprio la Toscana, ma vediamo nel dettaglio.

Entrando nel merito della situazione creditizia della regione Toscana, analizzando i dati riportati dallo studio di Mister Credit – CRIF possiamo evincere informazioni molto interessanti.

Infatti, la regione toscana è la seconda regione italiana per popolazione con crediti attivi, con un tasso del 50,5%.

Ecco qual è la percentuale di crediti attivi nelle regioni d’Italia.

RegionePopolazione con crediti attivi
Toscana50,5%
Lazio49,4%
Valle d’Aosta55,8%
Piemonte47,3%
Friuli-Venezia Giulia48%
Lombardia46,8%
Sardegna46,1%
Liguria46,5%
Umbria46,8%
Veneto45,2%
Emilia-Romagna45,4%
Puglia42,8%
Abruzzo42,69%
Marche43,2%
Sicilia40,4%
Calabria38,2%
Molise37,7%
Campania38,1%
Basilicata34,3%
Trentino-Alto Adige25,8%

La Toscana è seconda solamente alla Valle d’Aosta, regione in cui il 55,8% della popolazione ha crediti attivi.

Andando più nel dettaglio nella situazione creditizia toscana possiamo notare che l’incidenza dei mutui è pari al 21,8%, leggermente superiore alla media nazionale che si attesta al 20,8%.

L’incidenza dei prestiti finalizzati, invece, è del 52% mentre quella dei prestiti personali è del 26,2% del totale dei crediti attivi.

Livorno è la provincia toscana con più prestiti attivi

La provincia toscana in cui si registra il più elevato ricorso al credito è Livorno, con il 57,3% di popolazione con crediti attivi.

Ecco la situazione nel dettaglio per ogni provincia della Toscana.

ProvinciaPopolazione con crediti attivi% mutui% prestiti personali% prestiti finalizzati
Massa Carrara55%17,5%54,4%28%
Lucca49,6%21,1%51,7%27,2%
Pistoia51,1%20,7%52,5%26,9%
Prato51,5%23,5%53,8%22,7%
Pisa53,4%22%53,3%24,7%
Livorno57,3%21,3%54,3%24,4%
Firenze48,1%24,3%49,9%25,8%
Arezzo46,3%20,5%51,1%28,4%
Siena45,7%24,3%50,3%25,4%
Grosseto46,6%23,3%48,6%28,1%
Toscana50,5%21,8%52%26,2%
Italia44,5%20,8%50,7%28,4%

Da questa tabella si può quindi notare non solo che la provincia con la percentuale maggiore di popolazione con crediti attivi è Livorno, ma anche che per quanto riguarda i mutui al primo posto troviamo a parimerito le provincie di Firenze e Siena con il 24,3%.

La provincia con la percentuale più elevata di prestiti personali, invece, è Massa Carrara, seguita da Livorno. Infine, osservando la percentuale di prestiti finalizzati, la prima provincia è Arezzo con il 28,4%.

Rate pro-capite in Toscana

Analizzando lo studio condotto da Mister Credit – CRIF possiamo anche conoscere la rata mensile pro-capite sostenuta dalle varie regioni italiane. È emerso che la regione con la rata pro-capite più elevata è il Trentino Alto-Adige, con €378 di rata media, seguita da Lombardia, con una media di €360 e dal Veneto con una rata media pro-capite di €354.

In quest’ottica, la Toscana si attesta il 7°posto delle regioni italiane per rata pro-capite, fissa a €328, mentre la media nazionale è di €315.

Vediamo nel dettaglio qual è l’ammontare medio della tassa pro-capite delle province della Toscana.

ProvinciaRata media mensile pro-capite
Massa Carrara€281
Lucca€324
Pistoia€317
Prato€370
Pisa€322
Livorno€300
Firenze€355
Arezzo€323
Siena€356
Grosseto€334
Toscana328
Italia315

Dalla tabella emerge che la provincia con una rata media mensile pro-capite più alta è Siena, con €356, seguita dalla provincia di Firenze. Invece, la provincia con la rata media più bassa è Massa Carrara con €218, l’unica provincia con rata media inferiore alla media italiana.

Il debito residuo medio pro-capite in Toscana

Il ranking nazionale più elevato per importo residuo da rimborsare appartiene alla regione Lombardia, con un’esposizione residua da rimborsare di €40.702, seguita dal Trentino Alto-Adige con un indebitamento medio residuo di €40.332. Invece, la regione con l’indebitamento medio residuo più basso è la Calabria che si ferma a €20.798.

Ma ecco la situazione registrata nella regione della Toscana.

Da questo grafico emerge che Firenze è la provincia con un debito medio residuo pro-capite più elevato, pari a €43.668, seguita dalla provincia di Prato che registra un indebitamento medio di €40.611.

Invece, la provincia toscana con l’esposizione residua più bassa è Massa Carrara con €27.349.

Fonte: https://www.chescelta.it/mappa-crif-toscana-2-in-classifica-per-numero-di-prestiti-attivi/