FIRENZE –In un momento storico come l’attuale è impensabile scaricare la responsabilità dell’affollamento sui mezzi pubblici alle dirigenze delle singole scuole.

Seppur è vero che lo sfasamento degli orari di ingresso ed uscita potrebbe aiutare nella gestione dei trasporti degli studenti, è folle pensare di risolvere il problema del sovraffollamento dei bus, causato da due decenni di tagli alla spesa per il trasporto pubblico locale, con uno slittamento di mezz’ora delle uscite delle classi.

Il Sindaco Nardella, il Presidente Giani e le loro maggioranze governano la città e la Regione continuativamente da decenni e sono i responsabili dell’impoverimento avvenuto negli anni dell’offerta di trasporto pubblico: hanno avuto mesi per investire quanto necessario ad offrire un servizio che fosse efficiente e sicuro con le norme di contenimento del COVID-19, ma l’unica cosa che hanno saputo fare è stato chiedere un aumento del numero massimo di passeggeri per mezzo.

In questi mesi passati e nei prossimi che verranno tutti i cittadini e le cittadine hanno fatto enormi sacrifici per tenere a galla l’economia e il tessuto sociale del nostro paese. È il momento che chi amministra utilizzi gli ingenti stanziamenti in arrivo dallo Stato e dall’Europa per rivoluzionare il trasporto pubblico e renderlo adeguato alla situazione che stiamo vivendo: i mezzi devono essere raddoppiati nelle ore di punta e le fermate messe in sicurezza e gestite da personale qualificato, non può più essere chiesto al terzo settore di supplire alla carenza di organico del pubblico.

Pietro Poggi

Coordinatore Sinistra Italiana Firenze