TRA I PRIMI TITOLI: I MITI GRECI NELLE FIABE, GLI “SPIN DOCTOR” DELLA COSCIENZA E L’AMORE GRECO PER LE RAGAZZE

I miti greci riproposti nei manga giapponesi e nelle fiabe popolari, il ruolo di “spin doctor della coscienza” esercitato dai confessori del Re e l’amore greco per le ragazze sono i temi dei primi tre libri digitali che inaugurano la nuova collaborazione tra la casa editrice Marietti 1820 e la Fondazione Collegio San Carlo di Modena. Lo storico istituto privato, nato nel Seicento come Collegio dei Nobili, si occupa di formazione e ricerca negli ambiti della filosofia, delle scienze umane e sociali e delle scienze religiose attraverso la Scuola internazionale di alti studi, il Centro culturale e il Centro studi religiosi.

Il primo libro digitale uscito l’8 ottobre nella collana iRèfoli e intitolato “Le migrazioni del senso. Miti, fiabe e traduzioni”,  porta la firma di Ute Heidmann, docente di Letteratura comparata all’Università di Losanna, dove dirige il Centro di ricerche in lingue e letterature europee comparate. La studiosa, visiting professor all’Università di Ginevra e all’Istituto Universitario di Studi Superiori di Pavia, osserva che le lingue, le letterature e le culture del mondo si formano in un processo continuo di differenziazione, come accade ai miti greci ripresentati nei manga giapponesi  o nelle fiabe popolari dei Perrault e dei fratelli Grimm. La traduzione del testo è di Stefano Suozzi.

Il secondo libro, in uscita il 22 ottobre e intitolato “Spin Doctor della coscienza. I confessori del Re e il principe cristiano”, è opera di Nicole Reinhardt, professoressa di Storia della prima modernità europea all’University of Durham, in Inghilterra. La riflessione prende le mosse dalla considerazione che in Francia e in Spagna i confessori del Re svolgevano anche compiti pratici nella consulenza che riguardava gli affari pubblici. Il testo prende in esame la comprensione dei peccati reali nel contesto teologico e politico del cattolicesimo del XVI e XVII secolo e segue la figura del consigliere ecclesiastico reale fino al suo declino. La traduzione è di Giovanni Cerro.

Il terzo libro, in uscita il 5 novembre e intitolato “Le  adolescenti di Sparta. L’amore greco per le ragazze”, porta la firma di Claude Calame, directeur d’études all’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi (traduzione di Stefano Suozzi). I valori cantati al banchetto delle piccole città-stato del VI secolo si fondano sui legami di affetto e di confidenza reciproca che riuniscono i cittadini  per condividere il cibo e celebrare gli dèi, i valori comuni e la comunità civica ideale. Pertanto, il rapporto di affetto che il narratore dei componimenti poetici del simposio cerca di intessere con i giovani ai quali si rivolge è la prefigurazione del legame fiduciario e politico che unisce gli uni agli altri. 

Gli eBook sono disponibili in tutte le librerie on line e nel sito www.mariettieditore.it.